Home » Enogastronomia » Itinerari Enogastronomici » A-spasso-per » A spasso per..l' Irpinia

A spasso per..l' Irpinia


Panorami montani, ampie valli, filari di viti che si inerpicano su per le colline. Potrebbe essere sufficiente questo a capire perché, la provincia di Avellino, è conosciuta ovunque con l’appellativo di “Verde Irpinia”: ospita due parchi regionali (Partenio e Monti Picentini), alcune oasi WWF, siti naturalistici di interesse comunitario, zone di protezione e di ripopolamento faunistico, ed ancora laghi e fiumi.

La natura d’Irpinia presenta flora e fauna davvero uniche: qui abita il lupo – l’animale simbolo dell’Irpinia – e le orchidee selvagge trovano il loro habitat naturale.

Ogni angolo di questo lembo di terra dell’entroterra campano svela agli occhi dei suoi visitatori scenari a tratti incantevoli, che contribuiscono a far amare la natura.

I due massicci, quello del Partenio e quello del Terminio, dominano sull’intera provincia di Avellino.

La catena montuosa del Partenio, che si estende dal Vallo di Lauro alla città capoluogo, ha la sua vetta del Monte Partenio nel comune di Mercogliano che da il nome all’omonimo Parco Regionale.

Arrampicandosi su per la strada, lungo la S.S. 374, che dal centro del paese attraversa Ospedaletto d’Alpinolo – regalando panorami mozzafiato – si giunge dapprima al Santuario mariano di Montevergine e, poi, proseguendo nell’ascesa, al pianoro di Campo Maggiore, un’immensa distesa verde ad oltre 1300 metri d’altezza dove godersi aria salubre ed un contatto diretto con la natura.

Ancor più attraente è ciò che offre la catena del Terminio (mt. 1786 s.l.m)– che rientra nel Parco Regionale dei Monti Picentini – raggiungibile sia dal comune di Serino, sul versante che dà verso la provincia di Salerno, che da Volturara Irpina e Montella, addentrandosi nel cuore dell’Irpinia più verde.

Ed è qui che è d’obbligo una visita alle “Ripe della Falconara” – suggestiva finestra panoramica sulle vallate dei monti d’Irpinia.

Proseguendo per Montella si va a Bagnoli Irpino al più importante sito turistico dell’Irpinia: l’Altopiano del Laceno con il suo Lago omonimo
La famosa stazione sciistica del Laceno, dominata dal Monte Cervialto (mt. 1809 s.l.m.), è pronta ad accoglierci: numerosi complessi ricettivi ospitano i numerosi turisti e sciovie ed impianti di risalita all’avanguardia ci portano sul Monte Raiamagra (mt. 1676 s.l.m.).

Ma il verde in provincia di Avellino non è solo il Partenio ed il Terminio. Per accorgersene basta percorrere le strade del vino TaurasiTaurasi, Paternopoli, Montemarano, Sant’Angelo all’Esca, Fontanarosa; oppure seguire i percorsi campestri che si diramano da Tufo verso Santa Paolina, Montefusco, Montemiletto e Montefalcione per compiere un viaggio nella natura, alla scoperta di odori, colori e sapori ancora incontaminati.

Tra i percorsi consigliabili, soprattutto nel periodo estivo, si segnalano anche le visite al Lago di Conza della Campania(oasi WWF) , a Monteverde il Lago San Pietro (area SIC), a Senerchia l’Oasi naturalistica WWF “Valle della Caccia” e le Grotte carsiche del Caliendo sull’Altopiano del Laceno.

( Fonte testo www.eptavellino.it,immagini
www.bagnoli-laceno.it)


Percorsi Turistici Nei Dintorni...

- Gustiamo l' Italia

A spasso per..l' Irpinia

Panorami montani, ampie valli, filari di viti che si inerpicano su per le colline. Potrebbe essere sufficiente questo a capire perché, la provincia di Avellino, è conosciuta...

Province: Avellino - Salerno

Cerca

Newsletter

Mappe Interattive

Cerca Città:

Cerca Punti d'Interesse