Abbazia di Morimondo Castello di Saint Pierre Basilica di  S. GIUSEPPE MOTTA PALAZZO DELLA GRAN GUARDIA Area Marina Protetta Punta Campanella Castel Sant'angelo Porto Antico di Genova Abbazia di Sassovivo Casa della Musica Comune di PALERMO Via Appia Antica Musei CastelBrando Reggia di Caserta " Unesco " Torre del Barbarossa Basilica di Santa Chiara Museo Archeologico Nazionale Isola Tiberina Cappella espiatoria Comune di SIENA Museo del Castagno Halloween a Riolo Terme Royal Academy Chiesa di S. Pietro di Simbranos Villa del Casale " Unesco " PALAZZO SALIS Comune di Mantova BASILICA DI S. ANDREA La Centopietre Duomo - Cattedrale di Parma Comune di Clusone
Home » Enogastronomia » Sagre di Paese » Sagra del Formaggio Pecorino di Moliterno

Sagre di Paese


Sagra del Formaggio Pecorino di Moliterno

"o caso " re Moliterno


La sagra del formaggio é certamente una delle feste più rappresentative di Moliterno. Il suo esordio risale all'agosto del 1982 e da allora si é ripetuta annualmente la prima domenica di agosto.
Il motivo della nascita della sagra del formaggio é che Moliterno é stato sin dal passato un centro famoso per la produzione del formaggio.
Il Racioppi nell'indicare l'etimologia del nome Moliterno, preferisce il radicale "Mulcternum" (mungere) da cui "mulcternum" che significa "luogo dove si fa il latte", cioè dove si munge l'armento e si coagula il latte, cioé la cascina.


Si presume, che sin dal primo formarsi del borgo medioevale, intorno alla torre del castello i pochi abitanti si siano dedicati quasi esclusivamente all'attività della pastorizia ed all'attività casearia. Solo a partire dal 1700, però questa attività si trasformò in una vera e propria tecnica organizzata per la produzione del formaggio pecorino, che ha reso celebre in tutto il mondo la ridente cittadina di Moliterno.

I moliternesi sono diventati famosi come stagionatori di formaggio pecorino per una serie di fattori favorevoli. Innanzitutto per il clima particolarissimo di Moliterno che si definisce freddo-umido, per i molti moliternesi che nel tempo hanno scelto la strada dell'emigrazione e che hanno sollecitato l'intrapendenza commerciale di coloro che rimanevano ed infine per l'enorme numero di caprini e ovini che nel tempo passato vivevano nelle cosiddette "marine" ovvero lungo la costa ionica della Lucania e della Calabria dalle quali si importava, solitamente, il formaggio pecorino.

Quando si giungeva a Moliterno il formaggio veniva posto nel "fondaco", un magazzino a pianterreno, costruito appositamente per la cura del formaggio: si trattava di un ambiente diviso in uno o più locali da grandi archi e con il pavimento pendente per lo scolo della salamoia.

Il primo periodo durava all'incirca tre settimane dopo di che il formaggio veniva trasportato in un nuovo ambiente, pronto per la cura. Il formaggio veniva prima lavato con acqua a temperatura corporea, per tale operazione veniva usato un mazzetto di erba ruvida a stelo, chiamato "vrungo", il quale sostituiva lo straccio perché si impregnava poco di grasso.

Successivamente il formaggio veniva posto sulla fustella capovolta per farlo sgocciolare e per poi salarlo con il sale minerale con cui si spalmava prima una faccia poi l'altra ed infine i lati fino a che il sale era assorbito dal formaggio. A questo punto il formaggio veniva messo nella "fustella" e adagiato per terra. Dopo circa sette giorni il formaggio veniva preso e manipolato attentamente per verificare che tutte le parti fossero salate uniformemente.

Quando veniva trasferito nel secondo ambiente il formaggio veniva levigato con la pietra pomice per eliminare le parti ruvide. A marzo c'era la prima richiesta dall'America, si trattava del formaggio primitivo non ancora maturo e piuttosto tenero usato some companatico, mentre il rimanente veniva controllato finché diventava maturo.

Vi era poi una seconda richiesta per la quale la spedizione si effettuava solo dopo che venivano svolte alcune operazioni consistenti nel trasporto in soffitta del formaggio per farlo sudare, dopo averlo lavato con acqua bollita, e riportato a temperatura corporea.

La sagra del formaggio si svolge ogni anno nella villa comunale di Moliterno e rappresenta una festa per tutto il paese e dintorni.
Qualche giorno prima della data prevista vengono allestiti gli "stand", preparati appositamente per vendere i formaggi. I venditori mettono a disposizione piccoli pezzi di pecorino per farli assaggiare alle persone che sono interessate all'acquisto.

Durante il corso della giornata si assiste alla "cagliata" cioé alla preparazione di alcuni formaggi freschi, che si ottengono mediante la lavorazione del latte appena munto.

( Fonte www.basilicata.cc)



Link
Scheda Info  

Schede informative: ItaliaMappe.it

Contatti

Indirizzo: Via del Formaggio Moliterno  .  (PZ)

Sagra del Formaggio Pecorino di Moliterno

DOVE: Moliterno (PZ)
QUANDO: Da:gioved, 01 gennaio 1970 Al:venerd, 31 agosto 2012

Visualizza



Eventi Nei Dintorni...

Da: sabato, 25 febbraio 2017
a: sabato, 25 febbraio 2017

Cena con delitto

Sabato 25 Febbraio 2017 torna la divertente Cena con Delitto teatralizzata con un nuovo episodio e un nuovo delitto da risolvere: Delitto prima della Prima.
La trama è...

Napoli (NA)


Percorsi Turistici Nei Dintorni...

- Gustiamo l' Italia

Potenza e dintorni tra arte, natura e gastronomia

La Provincia di Potenza, essendo la più estesa e popolosa della Basilicata, racchiude una complessa stratificazione di culture, tradizioni e suggestioni provenienti da aree...

Province: Potenza

Newsletter

Mappe Interattive

Cerca Città:

Cerca

Cerca Punti d'Interesse

villa torretta