Torre del Barbarossa Pinacoteca Civica Comune di Castelfranco di Sopra Basilica di  S. GIUSEPPE MOTTA Museo del Castagno Castello di Saint Pierre La Casa di Giulietta Villa Ghirlanda Silva BASILICA DI S. ANDREA Castello di Poppi Mercatino di Natale di Bressanone MamyMarketing o Mamy Marketing Duomo di Gubbio Visita Virtuale Castello Sforzesco Piazza dei Miracoli o Piazza Duomo " Unesco " Lago Mergozzo Musei Civici: Pinacoteca e Museo delle Ceramiche Castello Aragonese Villa Borromeo d'Adda Abbazia di Montecassino Basilica San Nicola Santuario della Madonna Nera Di Tindari Le Orridi di Bellano Dolmen La Chianca Cappella espiatoria Royal Academy Chiesa di S. Maria delle Grazie " Unesco " Halloween a Riolo Terme Mercatino di Natale a Bolzano Basilica di Santa Chiara
Home » Le Riviste » La dieta mediterranea patrimonio immateriale Unesco

La dieta mediterranea patrimonio immateriale Unesco


The Mediterranean Diet a Unesco intangible heritage

Equilibrio, salute, tradizione, biodiversità. La Dieta Mediterranea non è solo il punto di riferimento del “mangiar bene” in tutto il mondo o un insieme di abitudini alimentari orientate ad una corretta scelta di elementi nutritivi. 

 

La Dieta Mediterranea, intesa nell’accezione greca del termine, è uno stile di vita autentico, un’aggregazione di rappresentazioni, saperi e tradizioni con le quali le popolazioni del Mediterraneo hanno tenuto in vita, nel corso dei secoli, una sintesi ideale tra l’ambiente culturale, l’organizzazione sociale, l’universo mistico e religioso intorno al mangiare. Dal grano con il quale si crea il pane e la pasta, alle carni rosse e bianche allevate nel rispetto della biodiversità, ai latticini freschi fino alle infinite varietà di frutta e verdura, tutti i sapori tipici della dieta mediterranea vengono esaltati nelle loro proprietà gustative da condimenti altrettanto salutari. Uno fra tutti; l’olio d’oliva. La sapienza del viticoltore del Nord Italia si combina alla tradizione secolare del pastaio del Sud. Le tradizioni storiche, che da secoli accompagnano i gesti quotidiani della pesca siciliana, sulla tavola si fondono a quelle degli olivicoltori pugliesi, da generazioni. Lo scambio di competenze riguarda anche la conservazione, la trasformazione, la preparazione dei cibi, nonché la promozione dell’interazione sociale del convivio.  Il pasto in comune, notoriamente alla base dei costumi sociali che accompagnano le festività della comunità italiana, si riverbera nella sacralità del rito quotidiano consumato in famiglia. Per i molteplici aspetti di un’attitudine al vivere bene, l’Unesco ha introdotto nel 2010 la Dieta Mediterranea tra il patrimonio immateriale dell’Umanità, un riconoscimento prestigioso che sancisce definitivamente il valore di una pratica che è insieme tradizione, cultura, filosofia di vita..

Newsletter

Mappe Interattive

Cerca Città:

Cerca

Cerca Punti d'Interesse

villa torretta